Excursus+ e Banca Etica - Il Bando della Matassa2
September 3, 2020 0

(Italiano) Le risorse per le imprese si trovano… nella matassa

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il database di bandi delle nostre yoroomers di Excursus+ ha instaurato ormai da tempo una forte relazione con Banca Etica, improntata sulla condivisione dei valori e dell’approccio Funding mix, che porta a creare connessioni reciproche rispetto alle organizzazioni che scelgono di collaborare con loro.

Tratto da bancaetica.com in collaborazione con Corrado Fontana di Valori.it

Ci sono più di mille bandi attivi e disponibili da cui ricavare risorse finanziarie vitali per garantire e incrementare le attività economiche italiane (o di imprese italiane con progetti all’estero). E c’è chi di questi bandi, di origine pubblica e privata, effettua un monitoraggio e un aggiornamento settimanale finalizzato in gran parte ai bisogni delle realtà del non profit e del Terzo settore, senza dimenticare però startup o piccole e medie imprese profit. Stiamo parlando del Bando nella matassa, progetto ricco e articolato sviluppato da una srl di Milano, Excursus+, guidata e animata principalmente da un gruppo di donne.

E con una particolarità nel nome. Nata infatti semplicemente come Excursus – spazio di formazione partecipata, circa 20 anni fa a partire dall’iniziativa di Eugenia Montagnini e poi di Maria Chiara Cremona, le attuali socie al 50%, l’impresa ha aggiunto un “+” per rimarcare la crescita e l’evoluzione avvenuta nel 2018, quando ha assunto la forma innovativa di Società Benefit. Si tratta dell’ultima tappa di un lungo percorso che, dall’iniziale obbiettivo di accompagnamento delle organizzazioni in ottica formativa, ha acquisito una sempre maggiore comprensione dei loro bisogni, fino al sostegno attivo delle intenzioni di sviluppo attraverso la ricerca dei fondi che garantiscano la realizzazione dei vari progetti.

Attualmente il Bando nella matassa supporta tipologie di organizzazioni differenti, per la maggior parte – circa il 65% – appartenenti a non profit e Terzo settore, ovvero chi spesso fa molto affidamento sui bandi per espandersi e assicurarsi la sostenibilità. C’è poi un 15% di clienti che sono liberi professionisti, un 10% di aziende for profit (PMI, startup…), mentre la fetta restante è rappresentata da enti pubblici come comuni e università. Tutti costoro – con diversi livelli di consulenza previsti in tre forme di abbonamento – vanno a caccia del bando e/o dell’ente erogatore giusto per i loro intenti, sfruttando l’ampia rete e la piattaforma di Excursus+.

Excursus+ offre perciò un insieme di servizi che si sono dimostrati preziosi anche nei mesi di crisi portata dalla pandemia da coronavirus, se è vero che – ci ricorda Cinzia Stillavato – «nella fase di lockdown abbiamo lavorato tanto, con richieste numerose giunte da soggetti diversificati». E il supporto alle realtà a caccia di contributi si è rafforzato grazie al rapporto con Banca Etica, cresciuto nel tempo in nome del cosiddetto “funding mix”, cioè quando la ricerca di un bando ad hoc viene affiancata dalla necessità di adottare un’idea di finanziamento più articolata. In tal caso, laddove Excursus+ non arriva, può entrare in campo un istituto come la banca.

«Abbiamo iniziato ad avere una relazione con la filiale milanese di Banca Etica rispetto alle nostre personali esigenze – conclude Stillavato –, e ci avvaliamo dei suoi servizi come clienti perché crediamo nel suo modo di operare. Man mano, nell’ottica del funding mix, abbiamo intrattenuto una collaborazione, creando connessioni reciproche rispetto alle organizzazioni che si rivolgono a noi e a loro. Siamo soci di Banca Etica e siamo entrati nella vetrina di soci in rete con il servizio del Bando nella matassa».

Dal principio di attività della piattaforma di Excursus+, nel 2014, sono stati inseriti nel portale circa 17mila bandi, che rimangono visibili e sono diventati una sorta di osservatorio, divenuto assai interessante durante la pandemia, per cogliere e prevedere la direzione vero cui gli enti erogatori si spostano a seconda dello scenario. Il monitoraggio avviene infatti quotidianamente su circa 1500 di essi, il 55% è formato da realtà pubbliche, tra cui regioni, ministeri, camere di commercio… o istituzioni estere, il resto sono fondazioni comunitarie, bancarie, di impresa o anche familiari e individuali. Di tutto il mondo.

Complimenti alle nostre yoroomers di Excursus+ che non solo ricercano bandi, ma esplorano tutte le strade di finanziamento percorribili!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Copyrights © FirstFloor srl - P.IVA 09307480963 - Privacy Policy
X