La Repubblica - Deliveristo
March 30, 2020 0

(Italiano) Appello di Deliveristo: chef e produttori uniti per salvare le piccole filiere agroalimentari

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Tratto da La Repubblica (27-03-2020)

Deliveristo, partner della Guida I Formaggi d’Italia de Le Guide de L’Espresso, è una piattaforma di delivery nata per mettere in contatto diretto produttori e ristoratori sul territorio, senza intermediari. Oggi, per far fronte ai bisogni dei cittadini e dei produttori locali, ha deciso di aprire la piattaforma a tutti. Ce ne parla il CEO Ivan Aimo.

La Pasqua si avvicina e la disperazione dei piccoli produttori locali cresce di giorno in giorno, perché non sarà possibile vendere nulla di quanto prodotto in questi giorni, e gli animali non si fermano: le pecore, le mucche, continuano a produrre latte che deve essere trasformato in formaggio, e i vitelli e gli agnelli continuano a nascere e a cresce, ma non ci sarà nessuno a cui venderli, nessun pranzo di Pasqua o Pasquetta per portarli in tavola come da tradizione. La quarantena ha imposto la chiusura di molti mercati locali, sia nelle grandi città che nei paesi, gli unici canali di vendita per i piccoli produttori e coltivatori diretti che sono fuori dalla GDO e quindi dai supermercati. Insomma il meglio della produzione agroalimentare italiana non andrà in tavola quest’anno, e il danno è enorme.

Per questo l’iniziativa di Deliveristo merita tutta l’attenzione possibile, e se chef e produttori saranno in grado di fare sistema, questa potrebbe essere una Pasqua un po’ meno triste per tutti.

Ci spiega meglio l’iniziativa il responsabile e capo-progetto Ivan Aimo:

Siamo vicini a tutti i produttori e ristoratori in questo momento di grande crisi. E’ inevitabile, nelle prime settimane del mese la maggior parte dei clienti ha purtroppo dovuto fermare l’attività. Tuttavia, negli ultimi giorni abbiamo avuto l’idea di permettere di vendere i prodotti presenti in piattaforma (anche freschi e freschissimi) al consumatore finale tramite i portali dei nostri clienti (gli chef) e questo si sta rivelando vincente. Siamo partiti dall’ortofrutta e in soli tre giorni dal lancio stiamo viaggiando a ritmi decuplicati. Ci fa estremo piacere, da un lato, il sapere che molte persone che hanno difficoltà ad approvvigionarsi di prodotti di prima necessità ora lo possono fare con molta facilità, e dall’altro il fare lavorare chi ha un’attività di ristorazione in questo momento difficile.

In parole semplici come funziona Deliveristo?

Deliveristo è nato per rifornire gli chef di prodotti di qualità e di nicchia, con un contatto diretto con i produttori sul territorio, quindi si basa sul contatto e la collaborazione diretta tra produttore e ristoratore. Lo chef entra nella piattaforma (www.deliveristo.com), sceglie il prodotto desiderato come in un qualsiasi e-commerce, il produttore ricevere l’ordine, lo conferma e parte immediatamente la spedizione che recapita la merce direttamente al ristorante. Se il produttore ha la possibilità e piacere di consegnare lui direttamente la merce, ha la possibilità di farlo, altrimenti siamo integrati in automatico con dei partner logistici (DHL, Stef) che portano il prodotto dalla porta del produttore direttamente a quella del ristoratore. La differenza sostanziale è che noi non abbiamo un magazzino, il metodo di lavoro è definito drop shipping ed i prodotti arrivano appunto direttamente dal produttore senza passaggi intermedi. I grandi vantaggi sono quindi: possibilità di catalogo potenzialmente infinito (puntiamo a costruire la più grande piattaforma di prodotti alimentari italiani esistente), filiera cortissima, massimo della freschezza (certi prodotti di ortofrutta sono addirittura colti al mattino e consegnati in giornata).

Oggi, per far fronte al questa situazione di crisi e di blocco delle normali dinamiche di acquisto della gente comune avete deciso di permettere l’ordine anche al privato cittadino, ma la dinamica di base non cambia. Giusto?

Esatto: gli chef si rendono disponibili a riceve gli ordini da parte dei singoli clienti, li raccolgono e li fatturano, come se fossero loro stessi a fare l’ordine, e non devono fare altro: perché dall’altra parte, i produttori ricevono i singoli ordini e si attivano per la consegna direttamente a casa del cliente. Già adesso, chi abita a Milano e hinterland, può avere la possibilità di ricevere frutta e verdura direttamente a casa con consegna entro 24h andando ad esempio su onestmilano.com, Italian Creative Salad, Green Koala, laforchettaverde.com, Thirsty, fluidfreshfood.it, tutti ristoratori che hanno attivato questo servizio con noi. Entro pochi giorni inizieremo la collaborazione con altri dieci portali e allargheremo anche sulle altre categorie merceologiche, come carne e formaggi.

Iniziativa semplice ma efficace che speriamo possa sopperire in parte al blocco delle vendite che affligge molti piccoli produttori di qualità e a far fare a tutti gli italiani una Pasqua decente. Gli chef e i produttori che volessero rendersi disponibili sul territorio e aderire all’iniziativa chi devono contattare?

Ci farebbe molto piacere poter estendere questa attività anche in altre grandi città, come Roma, Napoli o Torino. Abbiamo però bisogno di chef in loco per attivare il meccanismo, c’è moltissimo su cui lavorare e speriamo di riuscire a soddisfare le esigenze di tutti in questo momento di grande crisi. Se qualche ristoratore, produttore o portale è interessato, può scriverci su [email protected] o contattare direttamente il nostro responsabile sviluppo commerciale Gabriele Angeleri al 348-3099344.

Una bella iniziativa dei nostri yoroomers del team di Deliveristo!

www.deliveristo.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Copyrights © FirstFloor srl - P.IVA 09307480963 - Privacy Policy
X