La sociologa “Questa città è innovativa e inclusiva ha creato un mix vincente” da la Repubblica

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

È un piacere per noi di YoRoom riproporre l’intervista fatta a Cristina Pasqualini, ricercatrice e docente di Sociologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, apparsa giovedì scorso su la Repubblica.

Cristina ha spesso coinvolto i suoi studenti universitari in attività fuori-porta per mostrare loro le svariate iniziative di green e sharing economy presenti a Milano, tra cui YoRoom stesso, quale spazio di coworking.

In particolare ci fa piacere sottolineare che, secondo Cristina, anche i coworking contribuiscono a rendere la città maggiormente  innovativa e inclusiva.

Ecco qui di seguito il testo completo.

Cristina Pasqualini

Intervista tratta da La Repubblica del 11.10.2018

La sociologa “Questa città è innovativa e inclusiva ha creato un mix vincente”

<<Milano è una città impegnativa da vivere, ma ha saputo trovare una ricetta vincente che la rende unica in Italia e competitiva in Europa>>. Cristina Paqualini, docente di Sociologia all’Università Cattolica, si occupa di fenomeni associativi nel tessuto cittadino e non ha dubbi sull’attrattività di Milano.

Oltre 29mila italiani nel 2017 hanno scelto di trasferirsi a Milano. Perchè?

<<La città è innovativa e inclusiva nello stesso tempo, è questo il segreto alla base della sua attrattività. È una realtà che permette di sperimentare, ci sono grandi possibilità a livello professionale, ma questo, da solo, non sarebbe sufficiente>>.

In cosa consiste la componente “inclusiva”?

<< È data da un sistema di attività e iniziativa che fanno in modo che nessuno si senta solo. Dalle social street agli orti urbani, dai coworking ai giardini condivisi, passando per gli spazi riqualificati e concessi alla comunità per realizzare attività di condivisione. Si tratta di attitività che fanno sentire i cittadini parte di una rete sulla quale appoggiarsi, senza avere però i vincoli troppo stretti che potrebbero derivare dall’iscrizione a un’associazione. È fondamentale l’aspetto della presenza fisica sul territorio unita alla libertà di movimento>>.

Molti dei nuovi residenti scelgono di spostarsi a Milano da città vicine dalle quali potrebbero muoversi come pendolari…

<< È una prova ulteriore del valore complessivo di questa rete. Chi arriva a Milano, anche solo per lavorare, non se ne va più. Nel loro caso il dato è ancora più evidente perchè vivendo in città più piccole potrebbero risparmiare>>.

È possibile individuare un momento di svolta, a partire dal quale si è percepito l’inizio di un nuovo modo di essere questa città?

<<Tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014 si è arrivati a una sintesi nella quale sono confluite le risposte economiche nate dopo la crisi, l’affermazione della sharing economy e lo sviluppo di esperienze di aggregazione proposte dai cittadini. Quello è stato un momento di svolta, poi Expo, con l’arrivo di tante persone, ha dato visibilità al nuovo modello Milano a livello europeo>>.

È un modello replicabile in altre città?

<<Al momento no, perchè si basa su caratteristiche specifiche di Milano. C’è un rapporto di reciprocità: la città è il contesto ideale per questa rete di attività allo stesso tempo si rafforza dalla loro presenza>>.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Copyrights © FirstFloor srl - P.IVA 09307480963 - Privacy Policy
X